sala Est

Sala Est

"Una volta il lago era sempre pieno di barche, ogni giorno dell'anno, più delle Domeniche di agosto di oggi".

"Io e mio papà partivamo presto al mattino, con la nostra Moltrasina. Andavamo al mercato di Como e, una volta arrivati in porto, mio papà andava a comprare le merci ed io stavo di guardia alla Barca... avevo tanti amici, conoscevo tutti i barcaroli del lago ... era una vita bellissima"

Qui è possibile ammirare una delle ultime Gondole Lariane, la Moltrasina.
Oggi sono sopravvissute solo sette gondole, cinque sono al Museo Barca Lariana. La Moltrasina è la meglio conservata, nel suo assetto originale e con i fasciami ancora a vista.
Le gondole lariane erano le barche da trasporto più diffuse, usate per il rifornimento quotidiano dei mercati e dei paesi lariani. Trasportavano ogni genere alimentare: farine, vino, olio e anche bestiame.
La vela rettangolare, detta vela romana, tipica delle barche lariane, era sollevata su un albero sistemato proprio davanti ai cerchi. Alta come la lunghezza della barca e larga come la barca stessa, aveva una notevole efficienza in quanto sfruttava unicamente i venti di poppa.
Fra le altre barche presenti in sala, si nota l’imponenza del Franz XI, taxi in dotazione a Villa Balbianello e una curiosissima automobile anfibia del 1960.

Guido Monzino

L'ultimo signore di Villa Balbianello. Alpinista, avventuriero e grande filantropo. Guido ha donato al Museo tutte le imbarcazioni contenute nella darsena di Villa Balbianello.

Il ricciolo della Moltrasina

Il particolare decoro di prua della Moltrasina ha illuminato la fantasia del nostro Fondatore, che ne ha fatto il tratto distintivo e logo del Museo Barca Lariana.

Logo

Il Museo

Il Museo si propone di raccontare la storia della nautica di un territorio ricco di storia e cultura, quello della Lombardia e del Lago di Como, con la sua straordinaria raccolta di oltre 400 imbarcazioni.

Contattaci

Dove Siamo